Il nostro sito utilizza i cookie per assicurarti una migliore esperienza di navigazione e funzionalità avanzate. Per maggiori informazioni clicca qui. Proseguendo acconsentirai all'utilizzo dei cookie.

Accetta
Home » Blog
Condividi Vedi tutti gli articoli
Le MURA di Lucca com'erano.

12/07/2011

Le MURA di Lucca com'erano.

Quante sono le città murate in Italia? Tante, ma poche come Lucca. Può vantare ben quattro cinte che la difesero e di cui una buona parte conservata a tutt'oggi.
La prima risale al tempo dei romani ed era a forma quadrangolare forse alta otto o nove metri che percorreva  l'attuale via della Rosa, dell'Angelo Custode,Mordini, degli Asili, San Giorgio, Galli tassi, San Domenico,della Cittadella e corso Garibaldi. Era costruita in grossi blocchi di calcare e una parte è visibile all'interno della chiesa di Santa Maria della Rosa.
Quattro erano le porte che vi si aprivano, di cui quella a nord detta Porta san Frediano, da cui si accedeva alla Clodia ed alla Cassia verso Parma; quella a est detta San Gervasio in tempi successivi, con le strade per Firenze e per Roma; quella a sud detta San Pietro, da cui si andava per Pisa, quella a ovest detta san Donato che conduceva a Luni.
La seconda cerchia era medioevale durò dal XII al XIII secolo, e proteggiava la parte nord-est della città ampliatasi in questa direzione, con un nuovo baluardo a difesa dei quartieri San Frediano, santa Maria, san Pietro. Di quattro porte oggi ne rimangono solo due quella di Borghi dei Santi Gervasio e Protasio.
Dotate di Ponte levatoio che scavalcava il fossato affiancata da due torri laterali.
La terza cinta  risale al XVI secolo e realizzata con torrioni che delimitavano un ulteriore porzione del territorio del lato nord-est mentre a sud e a ovest ci si limitò a costruire grossi torrioni circolari lungo le vecchie fortificazioni.
Infine la quarta cerchia, quella che ancora oggi si può vedere e passeggiarci sopra. La sua costruzione ha richiesto un secolo di lavori ed il perchè è presto detto si allunga per 4200 mt.Aveva undici baluardi, dodici cortine, fossato esterno con relativo terrapieno e "mezzelune". Un'opera colossale, per la quale i privati cittadini concorsero con contributi di decine di carri di pietre.
Dietro agli orecchioni dei baluardi erano piazzate le artiglierie;126 cannoni rimasti qui sino all'arrivo degli austriaci. Tra le porte di San Donato, san Pietro e Santa Maria fu fatta aprire una quarta porta detta porta Elisa dalla sorella di Napoleone. Porta San Jacopo e porta  Sant'Anna furono fatte aprire in epoca più recente. Curiosità: la maestosa fortificazione non servì mai a difendere la città da attacchi nemici. Fu utile quando nel 1812 un'alluvione avrebbe spazzato via Lucca che fu invece preservata grazie alla sua "difesa".Elisa Bonaparte sorella di Napoleone tentò di rientrare in città e dovette, causa alluvione, farsi issare con una gru al di sopra delle mura.

Commenti

  1. 31/07/2011 (zrHJAHjXlQIgjeeRidH)

    Hey, sbulte must be your middle name. Great post!

Lascia un commento